Il mondo all’epoca di Madame De Cecco

Era quello il tempo delle esplorazioni. I regni erano diventati nazioni, e le nazioni sembravano aver messo da parte baionette e cannoni per sfidarsi a colpi di scienza e scoperte geografiche per le quali servivano tonnellate di denari. Un’epoca giovane e rapidissima, in cui l’uomo pareva aver perso, definitivamente o poco ci mancava, il rispetto reverenziale … Leggi tutto Il mondo all’epoca di Madame De Cecco

“Non conquistammo che sabbia”


Credo di interpretare correttamente il pensiero di Gabriele Ottaviani (del blog Convenzionali) se riassumo la sua recensione di Non Conquistammo Che Sabbia in un: ACCATTATEVILLO!

Convenzionali

Il gigante dal cuore di pannadi Gabriele Ottaviani

Una donna italiana qui, a casa mia?

Non conquistammo che sabbia, Domenico Aliperto, Bianca&Volta Edizioni. Domenico Aliperto, giovane giornalista, appassionato di comunicazione e fotografo (si vede lontano un miglio, la sua brillantissima capacità di osservazione si manifesta chiaramente nell’ampio ma mai farraginoso dipanarsi di una prosa che valica le sterili distinzioni tassonomiche di genere), scrive un’opera poderosa ma scorrevolissima, rocambolesca, variegata, che coniuga la dimensione del romanzo storico d’epoca coloniale caratterizzato da una ricostruzione davvero precisa con il feuilleton, l’avventura e la spy story, il tutto condito con amore ed erotismo, ma senza mai eccedere la giusta misura, anzi, costituendo un bouquet di sapori ben amalgamato, suadente e piacevole. Tra politica, alleanze, dispetti e giochi di potere il lettore ha modo di conoscere Delacroix, gesuita francese che fa la spia per il suo governo, l’ambasciatore britannico Mc Fenzie, l’improbabile erede di Karamanli che vorrebbe tornare…

View original post 46 altre parole

Molti uomini sono colpevoli soltanto di essere deboli con le loro donne

Cosa avvenne nei sogni di Madame De Cecco non è dato saperlo. Dormì di un sonno pesante, di quelli che precipitano lo stato di incoscienza persino nelle trame dei sogni, sfilacciandole o sopprimendole. Fu svegliata da un insistente battere alla porta. Vestita e scarmigliata, con la bocca mezza affondata nel materasso, domandò senza muoversi chi … Leggi tutto Molti uomini sono colpevoli soltanto di essere deboli con le loro donne

Amare, amore, ossessione

Il silenzio imperterrito e disinteressato dell’inglese gli fece saltare i nervi. Così andò allo sbaraglio, senza curarsi più di usargli delicatezza. “Ma guardate come siete ridotto, diamine!”, ululò isterico. “Come sarei ridotto?”, domandò McFenzie infastidito. “Ma via, ammettetelo almeno!”, insistette Delacroix finalmente pago di aver provocato una reazione. “Siete diventato un indolente, un inetto, Archibald, … Leggi tutto Amare, amore, ossessione