Il vizio di credere


«Ci sono persone che non credono niente fin dalla nascita. Ciò non toglie che tali persone agiscano, facciano qualcosa della loro vita, si occupino di qualcosa, producano qualcosa. Altre persone invece hanno il vizio di credere: i doveri si concretizzano davanti ai loro occhi in ideali da realizzare. Se un bel giorno costoro non credono più – magari piano piano, attraverso una serie successiva, logica o magari anche illogica, di disillusioni – ecco che riscoprono quel “nulla” che per altri è stato sempre, invece, così naturale


PierPaolo Pasolini

7 pensieri su “Il vizio di credere

      1. Credere di non credere è, a suo modo, una credenza e la libertà può esprimersi in ogni direzione: che qualcosa sia, che qualcosa non sia o che qualcosa sia altrimenti da come ci appare, altrimenti da come vorrebbero farci credere che fosse.

        Piace a 1 persona

    1. in effetti questo brano è la premessa a una considerazione più ampia, che analizza il modo in cui le persone che gradualmente o improvvisamente perdono il proprio sistema di riferimento reagiscono inventandosi un nuovo conformismo.
      ma comunque credo che pochi riflettano su quanto possa essere spaventosa la consapevolezza…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...