Sensazioni di una città


Il ponte sulla ferrovia
è un abisso che istiga
alla fine
a partire
alla malinconia;
all’idea che Bologna sia solo
la parentesi
di una vita che prima
o poi diverrà adulta.

Il resto della città
è il suo grosso cuore.

Un grosso pezzo di carne
che gronda arancione
e magenta. I portici
ti riparano dalla solitudine
che piove soprattutto
la notte,
insensatamente:
dentro a bar post-moderni,
nell’olocausto dei neon
sempre accesi,
sugli stracci degli accattoni
che si destano in un sogno
quando sentono studenti
ridere lontano.


 

4 pensieri su “Sensazioni di una città

  1. I primi versi non li ho sentiti particolarmente, forse perché Bologna mi è “lontana”, non l’ho immaginata insomma.
    Ma sono originalissime e significative le immagini seguenti 😀. In particolare, i portici che ti riparano dalla… “solitudine che piove”, e poi “l’olocausto dei neon” 😮 , e mi è sembrato di verdere, infine, gli “accattoni” destati da un sogno… le risate lontane degli studenti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...