Putesse essere allero


E dimme quacchecosa
nun me lascià accussì,
stasera sto sballato
che voglia ‘e partì:
cu’ ddoje parole ‘mmocca
e tanta semplicità
putesse essere allero.

E dimme quacchecosa
nun me lascià accussì,
‘o viento sta passando
e je ‘o voglio sentì.
Affondo ‘e mani dint’a terra
e cerco ‘e nun guardà
e nun me pare o vero.

Putesse essere allero
e m’alluccano dint’e recchie
e je me sento viecchio.
Putesse essere allero
cu mia figlia mbraccio
che me tocca ‘a faccia
e nun me fa guardà.

E dimme quacchecosa
nun me lascià accussì,
me sento nu criaturo
ca nun po’ fa ‘a pipì:
vulesse arrubbà
senza me fà vedè
tutt’e facce d’a ggente.

E dimme quacchecosa
nun me lascià accussì:
‘o viento è già passato
nun pozzo cchiù sentì.
e m’ha rimasto ‘ncuollo
l’addore d’o magnà
e nu poco ‘e mare.

Putesse essere allero
cu nu spiniello ‘mmocca
cu ‘e mmane dint’a sacca
putesse essere allero
cu na parola sola
ca me desse calore
senza me fa sunnà.


Pino Daniele


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...