Tu, tra vent’anni


Il parco all’inizio della strada l’ho scoperto la prima settimana. Un parco in cui ci sono più esseri umani che alberi. I vecchi del quartiere si siedono in fila sulle panchine, come se fossero in esposizione in vetrine senza vetro.

Quando andiamo al parco, vale a dire quel triangolino al lato della strada, i bambini si precipitano in fondo verso l’altalena, in un punto affollato e polveroso come un angolo di inferno.

Amir e io passeggiamo, indicandoci il nostro futuro. Io scelgo sempre i vecchi messi un po’ meglio degli altri: non mi va di mostrargliene uno calvo, o magari cieco, e dirgli: – Ecco, quello è il tuo futuro.

In genere il mio vecchietto non è mai così curvo da non poter vedere la cima degli alberi. Magari ha le spalle fragili, ma nel suo sguardo – anche attraverso gli occhiali a fondo di bicchiere – si può ancora scorgere un lampo di interesse e di curiosità. Amir invece mi indica una donna anziana che sembra una busta di carta vecchia e stropicciata e dice: – Tu, tra vent’anni.


Fariba Vafi

6 pensieri su “Tu, tra vent’anni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...