Illuminato dalla gorgona


Mi apparve, insomma, per la prima volta, il viso deforme della necessità, quella necessità che – come appresi più tardi – è tuttavia maestra inesauribile, inventrice sottile d’infiniti espedienti, e per la quale acquistano la parola i tordi, le piche, i gracchi e i pappagalli; ma il suo volto di gorgona, anziché pietrificarmi, m’illuminò, sì che vidi, come in un nitido specchio, il mio passato, il presente e l’avvenire. Sentii allora come la fortuna, con i suoi mutamenti, rende l’uomo più saggio e prudente: l’animo mi si rialzò come in un’impennata d’onore, e mi dissi che, se avevo avuto la forza di risolvermi a partirmene da casa, avrei, al contrario, dato prova di pusillanimità ritornandovi sconfitto. “Abbi fiducia in Dio, che non viene meno a nessuno!” riaffermai dentro di me; e così decisi di procedere avanti e di andare intanto a Madrid, dove in quell’epoca la corte era in festa per le recenti nozze del giovane re e brillava di molti insigniti del Toson d’oro, di grandi di Spagna, di titolati, di prelati, di cavalieri, di personaggi importanti. Mi sembrò che, per le mie qualità e per la mia presenza, tutti mi avrebbero favorito, e che, una volta giunto là, avrebbero fatto a pugni per avermi ciascuno con sé.


Mateo Alemán

 

2 pensieri su “Illuminato dalla gorgona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...