Le donne della mia vita


A te imperdibile Euridice
la prima a rivelarlo fosti tu
che lo sguardo dell’amore
se è insicuro e volge indietro


è perduto e non ha scampo


A te Selen o Luce
starlette della porta accanto
sbattuta sullo schermo
del desiderio insoddisfatto


guardavo, non toccavo eppur godevo


A te, in un bozzolo di donna,
che carezzavi con la voce
accoccolata alla cornetta,
ho fatto mie le tue parole


e la tua croce divenne il mio fulgore


A te dama del lago
noi sfiniti di languore
nel ventre del tuo letto
credevamo d’essere immortali


finché gli anni tra me e te non ci uccisero di stenti


A te my beauty
pur parlando due lingue differenti
ci capivamo senza aprire bocca
ed ero tuo e tu essenzialmente mia


peccato solo tu fossi già sposata


A te incessante fior di lava
che la vita l’hai tracannata
tutta in fretta per timore
che solidificando t’avvizzisse


di noi ricorderò quel che poteva e invece non è stato


A te o mia cara sconosciuta
che all’indomani del mio passato
vorrai promettermi un sorriso:
dati i precedenti, a scanso d’equivoci,


vedi di non farmi ammattire pure tu.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...