Il giudizio di Paride


Delle tre la prima è dolce e paffuta
La seconda ha una classe infinita
E la terza ha un bell’andare
Leonino e muscolare, cosa devo fare?

Me dicettene e’ purtà un pomodoro
E di consegnarlo ad una di loro
Già che c’ero n’ accattai
Quattro chili e li guardai
Belli, belli assai!

Me, tu devi scegliere me
Il premio lo dai a me
Io m’addimanne e cché – neh! –
Vanno cercanno sti tre

Ho le natiche più tonde del mondo
Ho negli occhi un bel mistero profondo
E io tengo un bell’andare
Leonino e muscolare, tu chi vuo’ premià?

Statte zitt che pe’ ffa’ a’ pummarola
Comme Zeus commanna int’a casseruola
Ci va il tempo che ci va
Trallallero trallallà
Ué, chi vo’ pruvà?

Me, dammene nu poco a mme
‘na cucchiarata, ecche’ – neh! –
Chella lussuria che te, ué
Un ultimo assaggio pe’ mme

Poi la storia raccontò tutt’e cose
Di tre dee tutt’e tre vanitose
Che vulettene – vois-là! –
Miss Italia organizzà…
Ué, chi vuo’ mbruglià?


Paolo Conte


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...