Darwinismo puro


C_ Probabilmente lavorerò anche su un antischizofrenico

Così, qualora fossi interessato

Niente acne all’orizzonte

D_ Lavori su tutti “anti”

Che fatica

Quanta chimica

Comunque dovete capire una cosa: andate all’origine dei problemi

Se risolvete l’acne, non ci saranno più schizofrenici

Lo so che fate meno soldi

Ma mettetevi una mano sul cuore

C_ Ma no, qualche brufolo, che sarà mai

D_ Eh, perché non li hai avuti

Se no saresti anche tu come me

C_ È la selezione naturale, Domenico. Darwinismo puro.

La natura regolerà il problema, sul lungo periodo.

D_ No

Perché l’acne arriva in età troppo precoce

Poi passa

Ti riproduci

E generi altri esseri acneici

Il ciclo non si chiuderà mai

Se non intervenite voi big pharma

Dovete sostituirvi a Dio

Per una buona causa

C_ Ma no. Come si potrebbe avvertire la fortuna se non attraverso la sfortuna?

D_ Sono abbastanza d’accordo

Ma perdete tempo su antischizofrenici e antitumorali

Quando c’è prima l’acne da risolvere

C_ Serve il debole per sentirsi forte, il povero per sentirsi ricco, il brutto per sentirsi bello… e il portatore di acne per capire di avere la pelle come la buccia di una pesca

D_ Sempre più poeta

9 pensieri su “Darwinismo puro

      1. Inconsciamente, sicuramente agisco anch’io così! Ci si sente migliori soprattutto quando ci si specchia negli altri, quando sono proprio gli altri a dircelo anche esplicitamente. Però, la mia ragione-cinica, o forse la mia coscienza (non lo so), mi dice che non è giusto, e che dovremmo imparare da soli a riconoscere quanto valiamo, indipendentemente dagli altri.
        Poi si dice pure quell’altra cosa, che solo attraverso gli altri ci si rende conto dei propri limiti. Allora sì, va a finire che mi trovo d’accordo con il tuo commento 😂 ci stavo ragionando mentre scrivevo. Tuttavia la mia ragione cinica vorrebbe sempre averla vinta lei.

        Mi piace

      2. io non penso sorga tutta da sola: ci sono ragioni precise per cui gli altri ci instillano l’insicurezza, quando siamo bambini.
        il problema è che poi, crescendo, cerchiamo di seppellirla, seppellirla, seppellirla, perché non ci piace vederla.
        ma così facendo la nutriamo con un humus che la rende ancora più forte e pervicace. e la piantina spunta dal terreno. la vediamo bene anche se ci siamo dimenticati dov’è che aveva messo radici.
        dandoci fastidio ma non potendo seppellirla ulteriormente, proviamo a far finta che non ci sia, persino quando butta i rami (nel frattempo è diventata un albero!) davanti alla finestra.
        quei rami ci fanno vedere le cose con minor chiarezza, le capiamo meno, e per questo si crea un distacco dalla realtà.
        quando ci siamo completamente dimenticati di come nacque quella piantina diventata una quercia, chiamiamo il distacco “ragione cinica”.

        grazie per l’applauso

        Mi piace

      3. “grazie per l’applauso” 😂
        Ti sei espresso per metafora, una carinissima (non potevo dire bella) metafora! Hai seguito il consiglio del film “Il Postino”👍

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...