Volevo solo scherzare non ti preoccupare


Bruttissima storia… Annalisa è a casa da sola – depressa – prende la pistola del padre pulotto dal cassetto – si sdraia sul letto – guarda l’arnese freddo – carico – se lo passa tra le mani – si porta la canna alla tempia – forse sente la necessità di dare un senso alla sua vita – almeno uno – estremo… Pam! Il colpo parte rapido – lo scoppio squarcia il silenzio del condominio di Baggio – l’amica Bea abita di fianco – sente lo sparo – entra in casa – la trova riversa… Con un filo di voce dice – «Non è niente non è niente – stavo scherzando» – intanto le esce un quintale di materia grigia dal buco sulla tempia – chiude gli occhi – il pallore mortale vince su tutto – invece li riapre come se stesse facendo un esperimento – «Volevo solo scherzare non ti preoccupare…» Bea urla – piange – urla disperata – una tragedia… Quando arriva la notizia – Elenina impazzisce di dolore – noi siamo esterrefatti – Baggio è diventata la sua tomba – nei primi tempi del punk si faceva la strada insieme – eravamo amici di brutto – questo suicidio è una svolta – i punk tossici smettono di frequentare il Virus… Al funerale non me la sento di andarci – Elena non me lo perdonerà mai – anche Cristina non se ne capacita – «Che cosa ti sta succedendo? Uomo iceberg» – «Non ce la faccio proprio…» In realtà sto per scoppiare anch’io – Annalisa la conoscevo da molto tempo – più degli altri – sarebbe stato ancora più doloroso incontrare tutto il giro del vecchio bar Magenta – senza poter mettere le mani addosso a qualcuno – o forse mi è mancato il coraggio di affrontare un passato duro da dimenticare.


Marco Philopat

4 pensieri su “Volevo solo scherzare non ti preoccupare

  1. Ilbrano “””Con un filo di voce dice – «Non è niente non è niente – stavo scherzando» – intanto le esce un quintale di materia grigia dal buco sulla tempia – chiude gli occhi – il pallore mortale vince su tutto – invece li riapre come se stesse facendo un esperimento – «Volevo solo scherzare non ti preoccupare…»””” potrebbe anche scuoterci se non fosse per quella pessima espressione relativa al “quintale” di materia grigia, che ci fa annegare in questa sciatteria narrativa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...