Che ci vai a fare?


«Ma cosa vai a cercare laggiù, ogni volta?», gli chiese dopo un po’. La sua voce non pareva irritata come temeva Jonathan. «Che ci vai a fare… tutto solo», aggiunse, «tra quei laghetti isolati?». Jonathan tossì e liberò il fiato dalle narici. Le vene della fronte gli pulsavano per il caldo. Nel frattempo pensò a tutti quegli indescrivibili pomeriggi silenziosi trascorsi lì da solo, a quanto era felice. Non avrebbe saputo spiegarle che laggiù tutto era fermo eppure si muoveva. Che non esisteva il tempo. Né passato, né futuro. Che le cose capitavano secondo le loro leggi. Quando andava lì, non doveva fare altro che inspirare ed espirare, sedersi e guardare. Nessuno che volesse niente da lui. «Vado solo a pescare, come sempre. Ecco che ci vado a fare. A pescare. Da solo».


Inge Schilperoord

6 pensieri su “Che ci vai a fare?

      1. aiuto! Avevo interpretato diversamente. E’ un brano che mi coinvolge perché è un periodo che mi sta a cuore il tema del rapporto tra solitudine, libertà, scrittura, vita, amori e varie altre bazzecole 🙂 Bello, comunque

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...