Mi piace far accadere le cose


“Stupore per stupore, io mi chiedo che piacere abbia provato tu a vedere le tue creature attribuite a un altro. Non è atroce che un padre doni in elemosina ad altri il frutto delle sue viscere?”

“Il destino di una poesia tabernaria è passare di bocca in bocca, è felicità sentirla cantare, e sarebbe egoismo vederla esibire solo per accrescere la propria gloria.”

“Non credo che tu sia così umile. Tu sei felice di essere stato ancora una volta il Principe della Menzogna, e te ne glori […].”

“Non intendo sembrare umile. Mi piace fare accadere le cose, ed essere il solo a sapere che sono opera mia.”

“La faccenda non cambia, amico mio”, disse Niceta. “Indulgentemente avevo suggerito che volessi essere il Principe della Menzogna, e adesso tu mi fai capire che vorresti essere Dominiddio.”


Umberto Eco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...