La zingara


La vecchia zingara avanza nel vagone
della metro scostando ad ogni passo
sguardi di pena di riprovazione
di disgusto di fastidio.


Abbassano gli occhi le giovani incinte
vestite di fiori e sandali smaltati
così vicini alle ciabatte della strega
divorate come da morsi di topo.


Lei è logora e puzza e mugola
ed elemosina la sua razione di vita
con l’assurdo mestiere che non sfama gli attori
ma che riempie le tasche dei mendicanti.


Eppure l’unica bugia a cui riesce a pensare
è il sonaglio della sua giovinezza
i balli e gli amori scalzi e l’inconsapevolezza
di quel che dobbiamo diventare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...