L’albatros


Spesso, per divertirsi, i marinai
catturano degli albatri, vasti uccelli dei mari,
che seguono, compagni indolenti di viaggio,
il solco della nave sopra gli abissi amari

Li hanno appena posati sulla tolda
ed ecco che i sovrani dell’azzurro, impacciati,
le bianche e grandi ali ora penosamente
come fossero remi trascinano affannati.

Com’è fiacco e sinistro il viaggiatore alato!
E comico e brutto, lui prima così bello!
Chi gli mette una pipa sotto il becco,
chi imita, zoppicando, lo storpio che volava!

Il Poeta somiglia al principe delle nubi
che abita la tempesta e ride dell’arciere;
esule in terra e fra gli scherni, le sue ali
di gigante gli impediscono d’avanzare.


Charles Baudelaire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...